DERBY:ALL’INTER IL REGALO DI(da) NATALE….

dddd.jpg

Natale dell’Inter ma babbo Natale è Nelson Dida, una sciagura di portiere. Mancini e Moratti chiudono da primi della classe il loro strepitoso 2007: sono già campioni d’inverno con largo anticipo sulla scadenza. Perdete ogni speranza o voi che inseguite: è bene dirlo adesso che si chiude bottega e si torna a casa per le feste. Nel mondo sventola il bandierone del Milan ma a Milano comanda sempre l’Inter: tre derby di fila, presi al lazo, sono come i famosi indizi, costituiscono una prova. La prova regina. È l’Inter la più forte del reame. Al Milan resta la scritta sulle maglie e la collezione unica di trofei in bacheca. Nell’occasione patisce troppi buchi, clamorosi tradimenti e scadimenti inattesi: senza portiere (anche sul primo gol va a terra a Sant’Ambrogio e arriva il giorno dell’Immacolata) e va bene, con Gattuso ridotto al 10% per il noto infortunio e amen, con Seedorf mai ispirato d’accordo, con Oddo inadatto alla competizione. Quando è troppo, è troppo. Le “assenze” finiscono per scavare la differenza rispetto all’Inter, di suo impoverita solo dall’opaco Ibrahimovic di ieri. Giocare in 6-7 contro 11 si può se davanti c’è un rivale meno dotato, con un tasso atletico e di classe inferiore. Non certo dinanzi all’Inter di questi tempi, che pure non disponendo dei ranghi migliori in centrocampo, cava fuori dalla sontuosissima rosa altre gemme, per esempio il cileno Jimenez.
Il divario, nella ripresa, cresce appena il Milan si ritrova nelle condizioni più complicate della sfida: alle prese cioè con una rimonta per via della paperissima di Dida sul 2 a 1 di Cambiasso. Ancelotti deve inventarsi il lento Emerson al posto di Gattuso, sostituito all’intervallo, Gilardino per dare nerbo al ruolo di centravanti interpretato da Inzaghi sotto tono e più tardi provare la carta Serginho (fuori Seedorf). Con gli innesti provenienti dalla panchina, Carletto oltre che modificare il modulo (passa al 4-4-2) deve chiedere ad Ambrosini di giocare da centravanti spostando Kakà all’ala destra per tentare di ottenere dalle sue cadenze una qualche efficienza. Hai voglia ad aspettare Pato, a invocare uno stregone che guarisca Ronaldo: qui le lacune si colmano con provvedimenti radicali, nel prossimo mercato.

~ di sorrounded su dicembre 24, 2007.

Una Risposta to “DERBY:ALL’INTER IL REGALO DI(da) NATALE….”

  1. […] partita mettere in dubbio le certezza di una squadra campione del mondo? Se la partita in questione è il derby, la risposta non può che essere affermativa. Brucia, e tanto, la sconfitta rimediata dai rossoneri […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: